Sei qui: SilenzioIl Silenzio dei Colpevoli

IL SILENZIO DEI COLPEVOLI

IL PROGETTO RACCONTATO DA...

ALESSANDRO BERGONZONI

Scrittore, attore e autore comico bolognese, ha conosciuto e collaborato con il team di Educ@mente per una sezione dell'edizione 2014 di Adotta uno Scrittore (iniziativa a cura del Salone Internazionale del Libro), tenutasi all'interno dell'IPM Ferrante Aporti di Torino. Qui Bergonzoni, sensibile e sempre attento alle tematiche legate al mondo carcerario, è venuto a conoscenza dei numerosi progetti di Educ@mente e ha deciso di supportare Il silenzio dei colpevoli con l'arte della sua parola.

 

 

FEBIO GEDA

Scrittore torinese di fama internazionale, in passato ha collaborato con alcuni esponenti del team di Educ@mente in diversi progetti educativi presso l'IPM Ferrante Aporti. L'autore non ha certamente dimenticato i suoi trascorsi e la propria particolare propensione ai temi legati al sociale. Per questo ha deciso di sostenere e raccontarci il progetto del Silenzio dei colpevoli.

 

 

L'IDEA

L'Eremo del Silenzio ed Educ@mente da anni si adoperano per sensibilizzare la società civile sui temi della carcerazione. Il loro nuovo progetto "Il silenzio dei colpevoli" si pone l'obiettivo di aprire gli occhi dei più giovani sulla realtà della detenzione. Un tema, però, oggigiorno in gran parte sconosciuto, eluso e circondato, per l'appunto, dal silenzio della società esterna. L'iniziativa, pensata in continuità con la campagna EduCarcere di Educ@mente, intende rompere questo silenzio e portare avanti un'azione che culminerà con un gesto simbolico in occasione dell'ostensione della Sindone e della visita a Torino di Papa Francesco nel prossimo giugno.

 

LA BANDIERA DEL SILENZIO

Il percorso prevede l'organizzazione di una serie di partite di calcio a 5 che si svolgeranno all'interno di alcune carceri italiani (per minorenni e non). Di volta in volta, il gruppo di operatori formato da Educ@mente si sposterà negli istituti penali che ospiteranno gli eventi e giocherà una partita contro una squadra formata da detenuti. Ogni singolo match terminerà con la firma siglata dai partecipanti all'incontro su una speciale bandiera creata per l'iniziativa (la bandiera del silenzio). La bandiera è stata benedetta ufficialmente da Monsignor Cesare Nosiglia nel corso della Notte dei Santi del 31 ottobre.

 

 

 

PAPA FRANCESCO

Al termine del tour di partite di calcio a 5 in giro per le carceri italiane, la bandiera del silenzio firmata da tutti i partecipanti sarà donata a Papa Francesco in occasione della sua visita a Torino il 21 giugno, con l'auspicio che vi possa partecipare qualche ragazzo ospite degli istituti penali coinvolti. L'intera iniziativa diventerà così un'importante occasione per far arrivare al Santo Padre la voce di chi non potrà essere presente fisicamente.

 

Pastorale degli universitari Arcidiocesi di Torino